Danubio e treccia salati il bis! Abbiamo preso gusto nel farli, nel mangiarli e nel servirli agli invitati :)

Quando ho aperto questo blog, prettamente riguardante i dolci, non l’avrei mai detto che mi sarei appassionata anche alle creazioni salate ed invece…Mai dire mai!
Queste due bontà le abbiamo servite assieme a molte altre pietanze, che più avanti pubblicherò, durante il buffet seduto per il mio Compleanno! E’ stata la seconda volta in cui ci siamo cimentati nella preparazione del danubio salato, la prima la potete visionare in questo post:
http://barbapasticcetti.blogspot.it/2013/05/danubio-per-i-nostri-amici-e-treccia.html

Ingredienti per entrambi: 550 gr di farina Manitoba o farina 0 (noi abbiamo utilizzato la Manitoba)-250 ml di latte-50 ml di olio di oliva-30 gr di zucchero-10 gr di sale fino-1 cubetto di lievito di birra-mezzo bicchiere di latte. 
Per il danubio a fiore: 1 mozzarella-1 scamorza-4 fette di prosciutto cotto ( o mortadella o arrosto di tacchino)-semi di sesamo q.b.

Per la treccia: 2 salsicce ( noi però abbiamo utilizzato una luganega di maiale da circa 500 gr)-250 gr circa di broccoletti-1 spicchio di aglio-olio evo, sale fino e peperoncino in polvere q.b.-semi di papavero q.b.



Procedimento con la planetaria (ma si può fare benissimo a mano impastando bene tutto):
Sciogliere bene il cubetto di lievito di birra con un pò di latte tiepido e lo zucchero. Nella coppa della planetaria versare il lievito sciolto e tutto il restante latte, l’olio, l’uovo ed il sale, azionare la planetaria su velocità bassa (nel mio caso 3, ma regolatevi sempre con e caratteristiche della vostra). Far mescolare dapprima con la foglia, poi aggiungere poco per volta tutta la farina (io l’ho anche setacciata) quindi quando l’impasto comincerà a diventare più sodo cambiare forma e mettere il gancio per far impastare 3/4 minuti a velocità maggiore (6 nel mio caso) o comunque fino a quando l’impasto sarà bello sodo e compatto. Porlo sul tavolo da lavoro e lavorarlo con un pò di farina per fargli assumere l’aspetto di un panetto. Metterlo quindi a lievitare in una ciotola capiente in un posto senza correnti d’aria coprendo la ciotola con canovaccio. Nel mio caso, nel forno spento ed ho coperto il vetro dello sportello con un telo.Far passare minino 2 ore e verificare la lievitazione, se avrà raggiunto il bordo della ciotola (ovvero raddoppiato il suo volume) è pronto, altrimenti far continuare la lievitazione. Nel frattempo tagliare a cubetti la mozzarella e la scamorza e a listarelle il prosciutto cotto. Quando l’impasto sarà lievitato versarlo sul tavolo da lavoro e modellarlo nuovamente a panetto.

Per il fiore: Prelevare dal panetto, mano a mano, piccole porzioni (di ugual dimensione) poi appiattirle sul palmo della mano o sulla tavola da lavoro, mettere al centro il ripieno e chiuderle modellandole a forma di palline. Porre tutte le palline all’interno di una teglia tonda rivestita di carata da forno, distanziandole leggermente le une dalle altre. Fare quella centrale poco più grande delle altre.

Rimettere la teglia nel forno e far lievitare le palline per altri 45 minuti circa, tempo durante il quale, lievitando si saranno attaccate le une alle altre. Quando lievitato, con il latte spennellare la superficie delle palline, quindi spolverizzarle con i semi di sesamo. 
Infornare a 180° circa per 30/40 minuti. Nel mio caso forno elettrico statico tutto ventilato, seconda griglia partendo dal basso a 170° per 40 minuti.
Per la treccia invece: Prelevare 3 porzioni di impasto dal panetto e stenderle leggermente con il mattarello (formare delle lingue per capirci). Versare il ripieno ricoprendo quasi tutta la superficie (non uscire dai bordi) ed arrotolare l’impasto su se stesso sigillandone i bordi per ottenere 3 salamini. Formare con essi una treccia e, porla su una placca rivestita di carta da forno e far lievitare per 45 minuti. 
Terminata la lievitazione spennellare la treccia con il latte e versarci sopra semi di papavero. Infornare come prima ( io ho cotto la treccia separatamente dal fiore). 
Al momento di servire consiglio di scaldarli una decina di minuti, sono più buoni e così si scioglierà sia la mozzarella che la scamorza.

Farinata di ceci e rosmarino: come poter resistere a questa deliziosa e gustosa bontà?!

Buondì mondo! Oggi farinata di ceci e scusate per la foto poco fine direttamente dalla teglia anzichè dai piatti ma la macchinetta fotografica decide di scaricarsi sempre nel momento sbagliato!

La ricetta l’ho presa da questo blog ma ho apportate alcune piccole modifiche a mio gusto personale:
http://ricette.giallozafferano.it/Farinata-di-ceci.html

Ingredienti per una teglia rettangolare di dimensione 40cm x 30 cm circa: 300 gr di farina di ceci il Molino Chiavazza– 900 ml di acqua-1 pizzico di pepe-1/2 bicchiere di Olio evo Dante-sale fino q.b.-1 rametto di rosmarino fresco (aggiunto da me e che in foto non c’è).

Procedimento: Mettere in una ciotola capiente tutta la farina di ceci e formare una fontana versando nel centro un poco per volta tutta l’acqua. Mescolare tutto con una frustina facendo attenzione che non si formino grumi e fino ad ottenere un composto liquido e liscio. Lasciare riposare il composto coprendo la ciotola con un coperchio e mescolandolo di tanto in tanto; lasciare la ciotola sempre fuori dal frigorifero. Io ho tenuto il composto nella ciotola per 8 ore mescolandolo diverse volte nell’arco di queste ore. Passato questo tempo controllare se in superficie si fosse formata della schiuma, in tal caso prelevarla con un mestolo forato e gettarla. Aggiungere al composto mezzo bicchiere di olio, il sale, il pepe e gli aghi di rosmarino, mescolare bene.
Accendere il forno a 220° circa, nel mio caso statico tutto ventilato a 190°. Versare olio evo q.b. spandendolo molto bene in una teglia da forno (nella ricetta da cui ho preso spunto versano mezzo bicchiere di olio nella teglia, ma a gusto mio mi è sembrato davvero una quantità eccessiva). Versare tutto il composto nella teglia in modo che si distribuisca su tutta la superficie. Infornare e lasciar cuocere fino a quando si sarà formata una bella crosticina dorata sulla superficie e si sarà mediamente asciugato l’impasto all’interno, io ho cotto per circa 50 minuti e non mezz’ora come scritto nella ricetta da cui ho preso l’idea in quanto con mezz’ora il composto all’interno rimane troppo morbido (sempre a parere mio). Passato il tempo necessario accendere il grill per 15 minuti (spegnendo però il resto del forno) e far dorare la superficie fino a quando diventare croccante. E quando pronto, nel mio caso croccante fuori e morbido ma asciutto all’interno, servire spolverizzando con sale e pepe sulla superficie.

Torte di rose di pasta sfoglia fatte dal mio amato! Oggi c’è il mio Blade all’opera ^.^

Amiche ed amici belli oggi ricetta salata e davvero bella e buona! Il mio super Blade ha preparato giorni fà delle ottime torte di rose che, in occasione del suo Compleanno, ci siamo spazzolate ben bene, sono state infatti molto apprezzate anche da amici e parenti ^.^

Torta di rose con prosciutto cotto e mozzarella!

Ingredienti per la Torta di rose con prosciutto cotto e mozzarella: 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare tirata fuori dal frigorifero una mezz’oretta prima-2 etti di prosciutto cotto fresco tagliato a fette-2 mozzarelle medie sgocciolate bene e tagliate a fettine.
Procedimento: Accendere il forno regolandosi con il proprio (nel nostro caso a 170° tutto ventilato sulla seconda griglia partendo dal basso). Stendere sul piano da lavoro la pasta sfoglia e adagiarvi sopra ricoprendola tutta, le fettine di prosciutto cotto su cui andranno messe le fettine di mozzarella. Avvolgere su se stessa la pasta sfoglia e formare un bel rotolo che andrà tagliato a fette di spessore di 6/7 cm circa ( lui con questa misura ha ottenuto 10 rose). Adagiarle su una teglia tonda rivestita di carta da forno mettendole leggermente vicine ma non attaccate ( in cottura si espanderanno e si attaccheranno comunque), infornarle per circa una buona mezz’ora. Servirle calde!

Torta di rose con passata di pomodoro e mozzarella!

Ingredienti per la Torta di rose al pomodoro e mozzarella: 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare tirata fuori dal frigorifero una mezz’oretta prima-2 mozzarelle medie sgocciolate bene e tagliate a cubetti-1 barattolo di passata di pomodoro-sale q.b.-origano q.b.

Procedimento: Accendere il forno regolandosi con il proprio (nel nostro caso a 170° tutto ventilato sulla seconda griglia partendo dal basso). Stendere sul piano da lavoro la pasta sfoglia e spalmarla di passata ricoprendola tutta (non farla fuoriuscire però dai bordi) quindi salare a piacimento ed adagiarvi sopra i cubetti di mozzarella ed aggiungere l’origano. Avvolgere su se stessa la pasta sfoglia e formare un bel rotolo che andrà tagliato a fette di  spessore 6/7 cm ( in questo caso però lui le ha fatte molto più spesse e sono venute 6 rose). Adagiarle su una teglia tonda rivestita di carta da forno mettendole leggermente vicine ma non attaccate ( in cottura si espanderanno e si attaccheranno comunque), infornarle per circa una buona mezz’ora. Servirle calde!

Torte salate varie di pasta sfoglia e di pasta brisè ripiene: gustose salva cena nonchè svuota frigo!

Buongiorno mondo! Oggi ricettina salata, ebbene sì non viviamo di soli dolci altrimenti saremmo già ricoverati con diabete e colesterolo a tremila! Con la pasta sfoglia si possono fare molte cose soprattutto se si viene avvertiti all’ultimo momento di avere invitati a cena e quindi quale miglior modo di salvarsi la serata e magari anche di svuotare il frigorifero?!
Ovviamente sono state fatte in diverse occasioni ma le ho riunite in un unico post!

1° Tortino:  pesto, zucchine e  pomodorini!

1° Tortino Ingredienti: Tutto q.b. quindi regolatevi a vostra scelta: Olive nere denocciolate-pomodorini ciliegino-zucchine-pesto alla genovese senza aglio-Olio evo Dante e sale-1 rotolo tondo di pasta sfoglia da frigorifero-wurstel di pollo e tacchino-formaggio tipo caciotta. Procedimento: Stendere la pasta sfoglia su una teglia tonda senza togliere la carta da forno e spalmare con generoso strato di pesto, tagliare i wurstel ed il formaggio a cubetti, le zucchine, i pomodorini e le olive a rondelle, unire il tutto in una ciotola oliando e salando ed aggiungendo un paio di cucchiaini di pesto, mescolare bene quindi distribuire tutto sulla sfoglia. Ripiegare tutto il bordo su se stesso lasciando aperta e visibile tutta la parte centrale del tortino. Cuocere in forno già caldo per 30/35 minuti con temperatura tra i 170/180°.

2° Calzone: fagiolini serpente e Fettine Inalpi!

2° Calzone Ingredienti: Tutto q.b. quindi regolatevi a vostra scelta: Olio evo Dante-olive nere denocciolate-formaggio tipo caciotta-pomodorini ciliegino-Fettine Inalpi-fagiolini serpente-sale-1 rotolo rettangolare di pasta sfoglia da frigorifero . Procedimento: Stendere la pasta sfoglia su una teglia rettangolare senza togliere la carta da forno, oliare e salare leggermente la superficie della sfoglia, condire a parte in una ciotola, con olio e sale i pomodorini, le olive, il formaggio ed i fagiolini serpente, tutto tagliato in piccoli pezzetti. Tagliare a striscioline le sottilette (io ne ho usate 4) .Versare sulla sfoglia con questi ingredienti e e stendere sopra le strisce di sottilette. Ripiegare i bordi della sfoglia dai lati più lunghi sino a toccarsi leggermente al centro per ottenere una forma a calzone. Cuocere in forno già caldo per 20/25 minuti con temperatura tra i 170/180°.

3° Tortino: bieta, formaggini Inalpi e gambuccio!

3° Tortino Ingredienti:  Tutto q.b. quindi regolatevi a vostra scelta: bieta lessata-pomodorini ciliegino-mozzarella-Formaggini Inalpi-sale-Olio Evo Dante-gambuccio-1 rotolo di pasta sfoglia tonda da frigorifero.  Procedimento: Stendere la pasta sfoglia su una teglia tonda senza togliere la carta da forno, oliare e salare leggermente la superficie della sfoglia. Tagliare a cubetti tutto quindi pomodorini, mozzarella, formaggini,mozzarella e gambuccio. La bieta lasciarla così. In una ciotola unire e condire il tutto quindi versarla sulla sfoglia. Piegare l’intero tondo bordo sino al centro e cuocere in forno già caldo per 20/25 minuti con temperatura tra i 170/180°.

Calzone di Pasta brisè della Suocera! (La mia!):

4° Calzone di pasta Brisè spinaci, wurstel e mozzarella!

4° Calzone Ingredienti: Tutto q.b. quindi regolatevi a vostra scelta: olive nere-mozzarella-wurstel di pollo e tacchino-olio evo-sale-1 rotolo di pasta brisè-spinaci lessati. Procedimento: Tagliare a rondelle le olive, a dadini i wurstel ed il formaggio e condire il tutto assieme agli spinaci in una ciotola. Stendere la pasta brisè su una teglia rettangolare senza togliere la carta da forno, oliare e salare leggermente la superficie su cui versarci sopra il tutto, ripiegare i bordi per formare un calzone e  cuocere in forno già caldo per 30/35 minuti con temperatura tra i 170/180°.

Tortino di sfoglia di mia suocera:

5° Tortino: pomodori,cipolla,capperi,tonno e olive !

5° Tortino di pasta sfoglia Ingredienti: Tutto q.b quindi regolate voi la quantità: olive taggiasche (denocciolate)-capperi, cipolla, tonno al naturale, pomodorini pachino, sale ed olio-2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare.
Procedimento: Tagliare tutto a pezzettini e sbriciolare il tonno, condire e salare. Rivestire una placca da forno antiaderente con la carta da forno e srotolare su essa un rotolo di pasta sfoglia, versare sopra il composto e coprire con il secondo rotolo di pasta sfoglia facendo aderire bene tutto il bordo.
In forno già bello caldo a 160°/170° per una buona mezz’ora.