Ciambelle al vino zuccherose e golose fatte da me e da Blade: gradito dono per un pranzo in compagnia di amici! E scuse…

Buondì! Sono molto assente ultimamente dal blog pertanto mi rammarico se non ho postato alcuni premi che mi erano stati assegnati e per i quali ringrazio comunque sentitamente.
Tra l’altro non ricordo nemmeno chi mi avesse chiesto il favore di diffondere i dati del suo blog, perdono!
Mi scuso moltissimo ma in questo periodo di influenza e feste varie sono riuscita a malapena ad aprire il blog mio e quelli altrui e moltissime ricette persino dello scorso anno, devono ancora vedere la pubblicazione….Ce la posso fare!!!!

Ingredienti: 200 gr di zucchero semolato + altro q.b. che servirà in seguito-500 gr di farina 00-1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci-1 bicchieri di olio di semi (di girasole nel nostro caso)-1/2 bicchiere di vino rosso-1/2 bicchiere di liquore Anice-2 cucchiai di semi di anice-80 gr di nocciole pelate e tostate.

Procedimento: Innanzitutto tritare i semi di anice in un mixer per renderli ancora più piccoli quindi metterli in un bicchiere ed aggiungervi il vino ed il liquore lasciando il tutto in infusione per buoni 20 minuti.
Accendere il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio, nel nostro caso a 170°, elettrico statico con funzione tutto ventilato (le ciambelle una volta pronte verranno messe a cuocere su placche da forno rivestite di carta da forno su prima e terza griglia partendo dal basso).

Per l’impasto noi ci siamo serviti della planetaria ma si può tranquillamente fare a mano sul tavolo da lavoro o in una ciotola capiente.
Impastare tutti gli ingredienti assieme sia che si utilizzi una planetaria sia che usino le proprie mani fino ad ottenere un panetto.
Ricavare dall’impasto le ciambelline e passarla da un solo lato nello zucchero semolato versato su un piatto.
Infornare e cuocere per 20/30 minuti.
 In foto vedete due panetti perchè l’impasto lo abbiamo fatto due volte perchè ci servivano molte ciambelline.

Il Barba trucco: Intinte in un buon bicchiere di vino rosso si gustano al meglio 🙂
C’è anche chi le ha intinte nel limoncello!

NB: Per questa ricetta abbiamo preso spunto da questo bellissimo blog: 
http://www.ricercadiricette.it/click/index/799974/?site=pucca70.blogspot.it

PS: Se volete vedere la nostra altra ricetta di ciambelline al vino senza vino! ma con liquore S.Marzano il link è questo:
http://barbapasticcetti.blogspot.it/2014/02/ciambelle-al-vinosenza-vino-ma-con.html


Annunci

Torta panna e fragole, dei 7 vasetti con ripieno di crema agli agrumi e macedonia: Buon Anniversario ai miei carissimi genitori!

Buondì mondo! Reduce dall’ influenza intestinale che non sto a raccontarvi quanto sia stata sgradevole (ed uso questo termine per voler minimizzare la cosa) eccomi qui nuovamente con una torta pannosa che è stata un successo! Morbida, cremosa e dal sapore estremamente delicato, l’ho creata per l’Anniversario di Matrimonio dei miei genitori… Auguri Mamma e Papà, vi voglio bene!

Ingredienti per la base (torta dei 7 vasetti) a forma di cuore: 1 vasetto di yogurt gusto banana da 125 gr-3 vasetti di farina 00 setacciata-2 vasetti di zucchero semolato-1 vasetto di olio di semi (di girasole nel mio caso)-3 uova medie intere-1 pizzico di sale fino-1 bustina di lievito in polvere per dolci-1 bustina di vanillina in polvere per dolci.

Come misurino si utilizza il vasetto dello yogurt.

Procedimento: Accendere subito il forno regolandolo con le caratteristiche del proprio, nel mio caso elettrico statico tutto ventilato, il dolce verrà messo a cuocere sulla seconda griglia partendo dal basso.
Nella coppa di un robot da cucina versare le uova, lo yogurt, il sale e lo zucchero e far montare bene, spegnere le lame ed unire lievito e farina setacciandoli quindi riprendere a montare unendo anche l’olio e la vanillina.
Spegnere il robot quando il composto sarà liscio e senza grumi e versarlo in uno stampo imburrato ed infarinato, nel mio caso è uno stampo in silicone a forma di cuore per cui non ho dovuto imburrarlo nè infarinarlo.
Infornare fino a completa cottura, nel mio caso circa 45/50 minuti.
Lasciarlo freddare nello stampo quindi prelevarlo e metterlo su un piatto da portata.

Ingredienti Crema pasticcera agli agrumi: 125 gr di zucchero semolato-3 tuorli medi-60 gr di farina 00 setacciata-500 ml di latte-2 limoni-2 arance.

Preparazione: In un pentolino antiaderente versare il latte ed accendere il gas a fiamma moderata, lasciarlo scaldare ed aggiungervi dentro la scorza dei limoni interi e delle intere arance facendo attenzione a non grattare la parte bianca amara.

Nel frattempo in una ciotola mescolare con le frustine elettriche i tuorli con lo zucchero ottenendo un composto omogeneo, aggiungere sempre mescolando, la farina setacciata. Una volta ottenuto un composto senza grumi, versarlo a filo nel pentolino del latte già caldo con un mestolo di legno o una frustina in silicone e mescolare bene girando sempre fino a quando la crema non si sarà addensata per bene. 

Far raffreddare a temperatura ambiente e gettare le scorze.

Ingredienti per farcitura e decorazione: 500 ml di panna fresca già zuccherata da montare-macedonia di frutta q.b (io ho comprato quella nella latta già pronta e tagliata)-1 vaschetta di fragole.

Ingredienti per la bagnIn dosi q.b a seconda se piaccia o meno il liquore: Limoncello-Cointreau (liquore all’arancia)-Alrchermes-Acqua.

Farcitura, assemblaggio e decorazione torta: Tagliare la torta in due metà orizzontalmente in modo da lasciare quella superiore meno alta di quella inferiore. 

In una ciotolina mescolare i liquori con l’acqua e con l’Archermes e con questa bagna inumidire entrambe le metà della torta (evitando i bordi e non esagerando in quanto già di per sè la torta dei 7 vasetti ha un impasto umido). Sulla metà che fa da base spalmare un generoso strato di crema e cospargerla con la macedonia quindi ricoprire con la metà superiore facendo combaciare bene i bordi. 
Mettere in frigorifero la torta e nel frattempo montare bene la panna ma lasciarla soffice, riprendere la torta dal frigorifero e ricoprirla con la panna livellandola bene con una spatola tutta intorno e sopra.
Fare decorazioni a piacere, nel mio caso ho usato un beccuccio che crea una sorta di onda larga e piatta.
Lavare ed asciugare molto bene le fragole e con esse decorare la torta.
I Barba trucchi: 
Preparare la base il giorno prima e farcirla quindi lasciarla in frigorifero, così si insaporirà tutto meglio.
Aggiungere le fragole poco prima di servire la torta in modo che non perdano colore sulla panna.

Questo è il beccuccio della Sac a poche che ho utilizzato 🙂

Muffins al limone e al cacao con confettura alle fragole e Muffins all’arancia con marmellata di arance: piccole golosità per le mie colleghe/i!

I muffins…chi non li adora? Io in primis ed anche al lavoro me li hanno espressamente chiesti pertanto potevo rifiutare una simile occasione per pasticciare?! Giammai, detto e fatto eccoli qui in tutto il loro splendore e gusto!

Muffins al limone e al cacao:

Ingredienti per circa 12 muffins (ho rifatto poi l’impasto per ottenere quelli al cacao): 200 farina 00-50 gr di farina di riso-1 bustina di lievito in polvere per dolci-150 gr di zucchero semolato-il succo di 1/2 limone-la scorza grattugiata di 1 limone grande-1 bustina di vanillina in polvere per dolci-1 pizzico di sale fino-1 uovo medio-160 ml di latte-80 ml di olio di semi di girasole-3 cucchiai di cacao dolce in polvere-confettura di fragole q.b.-40 gr di granella di nocciole e mandorle (il tutto tostato e pelato)-zucchero di canna q.b.
Procedimento: Accendere subito il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio. Nel mio caso elettrico statico con funzione tutto ventilato a 170°, i muffins verranno messi a cuocere sulla seconda griglia partendo dal basso. Nella coppa di un robot da cucina o in una ciotola capiente utilizzando le frustine elettriche sbattere lo zucchero con l’uovo, aggiungervi il sale, l’olio di semi ed il succo del limone. Sempre sbattendo versare anche la farina 00 setacciandola assieme a quella di riso, al lievito, alla scorza grattugiata e alla vanillina. Continuare e sbattere ed aggiungere il latte e la granella. Il composto dovrà risultare leggermente denso. 
Distribuirlo nei pirottini di carta (messi nella teglia per muffins) riempiendoli a metà quindi mettere un cucchiaio di marmellata al centro e coprire con altro impasto sino a riempire i 3/4 del pirottino.
Cospargere leggermente la superficie di ogni muffin con un poco di zucchero grezzo.
Infornare e cuocere sino a completa cottura interna (dovranno essere umidi ma non molli) e leggera doratura esterna.
PER I MUFFINS AL CACAO: Il procedimento è lo stesso con le stesse dosi di ingredienti, andrà solo aggiunto il cacao assieme al latte nel passaggio finale e mescolato bene per farlo amalgamare e colorare uniformemente ogni muffin.
Muffins all’arancia con marmellata di arance:

Ingredienti per circa 12 muffin: 200 farina 00-50 gr di farina di riso-1 bustina di lievito in polvere per dolci-150 gr di zucchero semolato-il succo di 1/2 arancio-la scorza grattugiata di 2 arance medie-1 bustina di vanillina in polvere per dolci-1 pizzico di sale fino-1 uovo medio-160 ml di latte-80 ml di olio di semi di girasole-marmellata di arance q.b.-zucchero di canna q.b.-zucchero in granella q.b. (che io ho messo solo sul muffin gigante).

Procedimento: Accendere subito il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio.
Nel mio caso elettrico statico con funzione tutto ventilato a 170°, i muffins verranno messi a cuocere sulla seconda griglia partendo dal basso.
Nella coppa di un robot da cucina o in una ciotola capiente utilizzando le frustine elettriche sbattere lo zucchero con l’uovo, aggiungervi il sale, l’olio di semi ed il succo dell’arancio. Sempre sbattendo versare anche la farina 00 setacciandola assieme a quella di riso, al lievito e alla vanillina.
Continuare e sbattere ed aggiungere il latte e alla scorza grattugiata . Il composto dovrà risultare leggermente denso. Distribuirlo nei pirottini di carta (messi nella teglia per muffins) riempiendoli a metà quindi mettere un cucchiaio di marmellata al centro e coprire con altro impasto sino a riempire i 3/4 del pirottino.
Cospargere leggermente la superficie di ogni muffin con un poco di zucchero grezzo, io ho messo poi la granella di zucchero su quello grande (l’impasto l’hop messo in uno stampo di carta usa e getta). Infornare e cuocere sino a completa cottura interna (dovranno essere umidi ma non molli) e doratura esterna.

Biscotti al semolino con uvetta ed albicocche disidratate: uno tira l’altro… Io dico di cominciare!

Buondì’ mondo!
Ho fatto già diverse volte questi biscotti in varie versioni che potete visionare qui, qui, qui ed in versione simile con la farina di ceci qui.
Questa volta però ho utilizzato oltre all’uvetta protagonista indiscussa, anche le albicocche disidratate, mamma che bontà!

Piatto, Tazza, Piattini e posata by Villa D’Este!

Ingredienti per circa 35/40 biscotti: 500 gr di Semola di grano duro (Semolino)-70 gr di zucchero semolato-70 gr di zucchero di canna-120 ml di olio di semi di mais-2 uova medie intere-1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci-1 bustina di vanillina in polvere-1 bustina di zucchero a velo vanigliato (o normale)-uvetta q.b.-albicocche disidratate q.b.-1 fialetta aromatica al limone.

Piatto, Tazza, Piattini e posata by Villa D’Este!

Procedimento: In un tegamino versare dell’acqua (in modo da coprire completamente poi l’uvetta e le albicocche) ed aggiungere una fialetta aromatica al limone.
Portarla ad ebollizione quindi spegnere il fornello e tuffare dentro l’acqua l’uva sultanina e le albicocche tagliate a pezzettini, lasciare il tutto in ammollo per circa 20 minuti.
Passato questo tempo scolare ed asciugare.
In una ciotola capiente mettere i due zuccheri e la semola mescolandoli e formando una fontana (come se si dovesse fare l’impasto per la pasta frolla) nel cui centro versare le uova con l’olio, il lievito e la vanillina, l’uva sultanina e le albicocche.
Impastare il tutto con le mani energicamente e quando l’impasto comincerà ad assumere la forma di una palla trasferirlo sulla tavola da lavoro, impastarlo ulteriormente per compattarlo meglio, al tatto rimarrà granuloso. Avvolgerlo nella carta da forno e porlo in una ciotola tonda in frigorifero per una decina di minuti.
Versare lo zucchero a velo su un piatto e passati i dieci minuti accendere il forno a 170°/180° (regolatevi però sempre con il vostro, nel mio caso elettrico, a 170° statico tutto ventilato, metto due teglie una sulla prima griglia e l’altra sulla terza griglia partendo dal basso).
Riprendere il panetto dal frigorifero prelevando da esso, mano a mano, piccole quantità di impasto con cui formare delle palline che andranno poi rotolate completamente nello zucchero a velo.
Appiattire leggermente ogni pallina con il palmo delle mani e porla su una placca da forno rivestita di carta da forno ( o come nel mio caso con un tappetino in silicone).
Infornare per circa 15/20 minuti quindi prelevare la teglia dal forno e far raffreddare i biscotti su una griglia. Pronti!

Piatto, Tazza, Piattini e posata by Villa D’Este!
Piatto, Tazza, Piattini e posata by Villa D’Este!
NB: La bellissima tovaglietta per la colazione che vedete in ogni fotografia, mi è stata regalata dalla fantastica Isabella del blog: http://isa-magicomondo.blogspot.it/
Bravissima nei cuciti, fantasiosa e molto creativa! Grazie tesoro bello!

Ciambellone e ciambelline fiorite ciocco-cocco senza burro nè uova ma allo yogurt e con acqua minerale!

Oggi ricettina dolce di un ciambellone, ripetuto poi più volte in diverse occasioni e per vari amici.
Ho cercato tempo fa, in rete, una ricetta che non prevedesse l’uso delle uova e cosa ho trovato?
Ben due ricette create da due già mie amiche food bloggers ovvero:
Monica Pennacchietti la cui sua versione originale della ricetta è visionabile Qui 
Mariangela Circosta la cui sua versione originale della ricetta è visionabile Qui

Ingredienti per un ciambellone (nelle foto vedete le diverse volte in cui ho rifatto la ricetta con stampi differenti): 1 vasetto da 125 gr di yogurt gusto cocco-1 vasetto di zucchero semolato-1 vasetto di zucchero grezzo di canna-1 vasetto di olio di semi di girasole-1 vasetto di acqua minerale-3 vasetti di farina 00-1 bustina di lievito in polvere per dolci-3 cucchiai di farina di cocco disidratato-2 cucchiai di cacao zuccherato in polvere-granella di nocciole e di mandorle q.b-zucchero a velo vanigliato q.b.-mandorle e nocciole intere pelate q.b. (facoltative).
NB: Come misurino si utilizza il vasetto dello yogurt da 125 gr, lavato ed asciugato.
Procedimento: Accendere subito il forno regolandovi con le caratteristiche del vostro.
Nel mio caso elettrico statico con funzione tutto ventilato a 170°, il dolce verrà messo a cuocere sulla seconda griglia partendo dal basso.
In una ciotola capiente utilizzando le frustine elettriche (o nella coppa di una planetaria o di un robot da cucina) sbattere lo yogurt con zucchero semolato, quindi aggiungere quello di canna e successivamente l’olio.
Sempre sbattendo versare la farina assieme al lievito ed al cacao setacciando il tutto e poco per volta l’acqua.
Una volta che l’impasto sarà ben amalgamato spegnere le frustine (o qualsiasi cosa stiate utilizzando) ed aggiungere mescolando con una paletta, la farina di cocco e la granella di mandorle e nocciole.
Imburrare ed infarinare uno stampo (nel mio caso no in quanto ho usato solo stampi in silicone) e versarci dentro l’impasto.
Infornare e cuocere sino a completa cottura interna e doratura esterna.
Far raffreddare completamente il dolce fuori dal forno prima di prelevarlo dallo stampo poi spolverizzarlo con zucchero a velo e metterlo su un piatto da portata.
Il primo ciambellone a forma di fiore l’ho poi decorato con mandorle e nocciole pelate adagiate semplicemente nelle scanalature del dolce.

Buon Barba Appetito!

Questi di seguito gli stampi in silicone che ho utilizzato, manca quello piccolino a forma di cambellina !

Pita araba, Hummus di ceci,Tahina al sesamo e Babaganoush di melanzane: oggi siamo internazionali!

Tempo fa con le amiche sarei dovuta andare a mangiare cibi diversi e mai provati ma l’appuntamento culinario è stato rimandato a data da destinarsi e così con Blade ci siamo detti: perchè non provare nella nostra cucina!
Detto fatto ecco qui delle delizie Israeliane di cui siamo andati ghiotti, buonissime!

Pita araba, che bontà:

Ingredienti per 10 Pitot (che è il plurale di Pita!): 450 gr circa di farina 00 più altra farina 00 q.b. se necessario-1 cucchiaio di Olio evo Dante-1/2 cucchiaino di zucchero semolato-1 cucchiaino di sale fino-300 ml di acqua-13 gr di lievito (il cubetto).

Procedimento: Nel nostro caso con planetaria ma può essere fatto l’impasto tranquillamente tutto a mano su un tavolo da lavoro.
Nella coppa di una planetaria versare la farina.
In un pentolino mettere a scaldare leggermente tre dita di acqua che dovrà diventare tiepida, prelevata dai 300 ml totali e scioglierci bene il lievito assieme allo zucchero, versare il tutto nella coppa della planetaria.

Azionare su velocità media (utilizzare il gancio per far impastare) e mano a mano versare il resto dell’acqua, l’olio ed infine il sale.
Quando l’impasto sarà amalgamato e si staccherà via dal gancio prelevarlo dalla coppa e porlo sul proprio tavolo da lavoro leggermente infarinato quindi con le mani impastare fino a formare un panetto.
Se necessario, ovvero se l’impasto risultasse appiccicoso, aggiungere altra farina un poco per volta sulle proprie mani e lavorarlo fino a quando risulterà morbido ed elastico senza attaccarsi.
Metterlo a lievitare in una ciotola coperto con un telo in un posto al chiuso (noi ad esempio lo abbiamo messo nel forno a microonde spento e sono occorse circa due ore e mezza).
Quando avrà raddoppiato ed anche più il suo volume accendere il forno sui 220°, nel nostro caso elettrico statico tutto ventilato.
Mettere l’impasto sul proprio tavolo e lavorarlo ulteriormente qualche minuto quindi formare una pallina prelevando una quantità di impasto che come misura dovrà essere contenuto nel palmo di una mano.
Appiattire la pallina dapprima con le mani poi con il mattarello sul tavolo da lavoro infarinato sino ad ottenere una pita con diametro di circa 15 cm ed altezza circa 9 millimetri.
Porre due o tre pitot su una placca da forno rivestita di carata da forno e far cuocere sino a quando saranno belle gonfie (è bellissimo osservarle mentre si gonfiano in cottura!) circa 5 minuti di cottura.
Quando cotte metterle a raffreddare su un vassoio e procedere  con altre pitot sino alla fine dell’impasto.
Una volta fredde farcirle a piacere.

NB: Conservare le Pitot che non si utilizzano subito in un sacchetto di carta (per il pane) avvolto poi in una bustina di nylon di quelle per alimenti.
Per la Pita abbiamo preso spunto Qui.

Hummus di ceci:

Ingredienti: 400 gr di ceci già lessati (a cui andrebbe tolta la pellicina ma è una faticaccia!)-acqua di octtura dei ceci q.b.-2 cucchiai colmi di tahina-1/2 spicchio di aglio-il succo di 1 limone grande-olio evo Dante q.b.-sale fino q.b.-prezzemolo fresco q.b. (dal nostro terrazzo!)

Procedimento: Mettere in un mixer i ceci, la tahina, l’aglio, il succo di limone, il prezzemolo, l’olio ed il sale a proprio piacimento quindi ridurre il tutto in una morbida crema.
Se necessario ovvero se la crema non risulta da subito morbida, aggiungere poco per volta un po di acqua di cottura dei ceci.
Servire la crema in una ciotolina creando una sorta di cerchi concentrici nei quali versare fili di olio e cospargere con prezzemolo tritato.

NB: Per questa ricetta abbiamo tratto spunto Qui.

Babaganoush di melanzane:

Ingredienti: 2 melanzane medie-2 cucchiai colmi di tahina-1/2 spicchio di aglio- il succo di 1 limone grande-sale fino q.b.-olio evo Dante q.b.-prezzemolo fresco q.b. (dal nostro terrazzo!)

Procedimento: Mettere a cuocere le melanzane intere nel forno a microonde 10/12 minuti ad 800°.
Una volta pronte metterle su un piatto, tagliarle in due barchette e con un cucchiaio prelevare tutta la polpa che si staccherà molto facilmente dalla buccia.
In mixer unire quindi la polpa con la tahina, l’aglio, il succo di limone, il prezzemolo, l’olio ed il sale a proprio piacimento quindi ridurre il tutto in una morbida crema.
Servire la crema in una ciotolina.

NB: Per questa ricetta abbiamo preso spunto Qui.

Salsa Tahina al sesamo:

Ingredienti: 200 gr di semi di sesamo-100 gr di olio di semi di girasole-1 cucchiaino di sale fino.

Procedimento: In una capiente padella, su fuoco basso, mettere i semi di sesamo a tostare girandoli spesso e facendo attenzione a non esagerare nella tostatura.
Appena cominceranno a scoppiettare in padella toglierli e versarli su un piatto in modo da bloccarne la cottura.
Passarli in un mixer assieme al sale e all’olio riducendo il tutto in crema.
Per conservare la Tahina avanzata (in frigorifero) basta metterla in un contenitore di vetro con tappo.

NB: Per la ricetta abbiamo preso spunto da Qui.

Benvenuta Primavera: oggi una richiesta particolare per tutti voi amiche/i bloggers !!!!

Amiche ed amici che passate qui per sbirciare, per salutare, per prelevare le ricette o per qualsiasi altro motivo….ho una piccola richiesta da farvi!
Sto partecipando ad un contest sulla Primavera indetto da Villa D’Este e vince chi ottiene maggior numero di votazioni alla propria fotografia!
Poichè tempo fa sul nostro terrazzo è venuto a farci visita un bellissimo pappaggallino e sono riuscita a fotografarlo mentre sonnecchiava beatamente gustandosi il tepore primaverile, ho deciso di partecipare al contest con lui!!!!

Se vi va di votare la mia foto vi chiedo solo 5 secondi, basta andare su questa pagina:

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=595527283854898&set=a.591000887640871.1073741842.123966814344283&type=1&theater

e cliccare “Mi” piace sulla fotografia!
Ditemi… non è dolcissimo????

Grazie a chiunque vorrà farmi questo piccolo favore!
A presto e Buona Primavera!