Panini allo stracchino con erbette miste, parmigiano, mortadella e pancetta: io inizio a gustare e voi?

Buondì mondo! Alcuni mesi fa ho provato questa ricetta e devo dire che in casa è stato un grande successo, il post relativo lo potete visionare QUI ed ho voluto bissare l’esperimento ben riuscito apportando solo qualche piccola ma golosa modifica.

Ingredienti per circa 10-15 panini a seconda della grandezza: 250 gr di farina 00-120 di stracchino (o crescenza a temperatura ambiente)-100 gr di parmigiano grattugiato finemente-1 uovo intero-1 tuorlo-1/2 cucchiaio di sale fino-1 cucchiaio di zucchero semolato-1 bustina di lievito in polvere per pizze e torte salate-latte intero q.b. per ottenere un impasto morbido ma non molle e per spennellare i panini-150 gr di mortadella a dadini (non presente nella ricetta originale)-100 gr di pancetta affumicata a dadini (non presente nella ricetta originale)-semi di sesamo e di papavero q.b. (non presenti nella ricetta originale)-trito di erbette anche queste non presenti nella ricetta originale, nel mio caso: prezzemolo e basilico freschi (direttamente dal nostro terrazzo!)-2 cucchiaini di Pesteda Vis

Procedimento: In una ciotola o direttamente sul tavolo da lavoro porre la farina e fare un incavo al centro in cui mettere lo stracchino, l’uovo ed il tuorlo, lo zucchero, i dadini di pancetta e di mortella, il parmigiano ed il sale e la Pesteda.

Aggiungere il latte poco per volta per rendersi conto dell’impasto che dovrà essere morbido ma non appiccicoso nè molle.
Per ultimo aggiungere il lievito ed impastare il tutto fino a formare un panetto.
Accendere il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio.
Nel mio caso elettrico statico tutto ventilato a 180°, placca su seconda griglia partendo dal basso.
Formare, con grandezza a proprio piacimento, i panini, spennellarli con il latte e cospargerli con semi di sesamo alcuni e semi di papavero altri.
Metterli su una placca da forno distanziandoli un po gli uni dagli altri perchè in cottura lieviteranno ed infornarli per circa 15 minuti.
Sono molto buoni caldi!

NB: La Pesteda è un insaporitore Valtellinese che si usa su paste, carni bollite e sui pizzoccheri, a base di aglio, pepe, ginepro,timo,sale e achillea nana pertanto chi non lo possiede può comprare separatamente questi ingredienti e mixarli assieme.

PS : Ecco qui il Basilico ed il Prezzemolo direttamente dal nostro super terrazzone!

Annunci

Crostata con Nutella per veri golosoni come noi: gradito dono per i miei colleghi e colleghe :)

Buon pomeriggio mondo! Oggi ricettina dolce riguardante la Crostata con la Nutella che tanto piace a grandi e piccini ed ogni volta che la porto al lavoro è sempre una gran festa.
A dire il vero qualsiasi cosa io regali ai miei colleghi e colleghe piace sempre in quanto sono persone che amano le cose fatte in casa pertanto sanno apprezzarne la bontà!

Splendido piatto Campo dei Fiori by Villa d’Este!

Ingredienti per due Crostate di diametro 26/28 cm: 500 gr di farina 00-3 uova medie intere-2 tuorli-200 gr di burro ammorbidito bene a temperatura ambiente-200 gr di zucchero semolato-1 pizzico di sale fino-1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci-Nutella q.b.-1 fialetta di aroma Mandorla.
Per la decorazione: Mandorle e nocciole pelate-noci-granella di zucchero-smarties-zuccherini colorati a forma di stella.

Procedimento: In una ciotola capiente o direttamente sul proprio piano da lavoro porre la farina a fontana nel cui incavo al centro andranno messe le uova ed i tuorli, lo zucchero, il sale fino, la fialetta aromatica ed il lievito.
Impastare a mano sino a far raggiungere al composto la forma di un panetto in cui tutti gli ingredienti dovranno essere ben amalgamati.
Far riposare il panetto una decina di minuti in frigorifero, nel frattempo imburrare ed infarinare stampi a scelta ed accendere il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio.
Nel nostro caso elettrico statico con funzione tutto ventilato, la crostata verrà messa a cuocere sulla seconda griglia partendo dal basso.
Riprendere il panetto dal frigorifero dividerlo in due parti e stendere entrambi gli impasti all’interno degli stampi bucherellando la superficie qua e là.
Cuocere sino ad una leggera doratura quindi lasciar raffreddare la pasta frolla e procedere a ricoprire ogni crostata con generosa Nutella.
Quindi procedere alle decorazioni a scelta.

NB: La crostata che vedete nella prima foto non è di diametro 26/28 bensì di 20/22 cm in quanto l’ho fatta con la pasta frolla avanzata (da una precedente crostata) e che avevo conservato in freezer.

Il Barba trucco: Se in cottura la pasta frolla si gonfiasse troppo, si può scavarla leggermente con un cucchiaio quando ancora è calda quindi dopo finita la cottura, facendo però attenzione a non romperla e quindi procedere ricoprendola di Nutella.

  • Voglio ringraziare la dolcissima Flora del blog: http://seichicchidimelograno.blogspot.it/ per aver assegnato al nostro blog questo premio. Come sapete mi fa molto piacere ricevere i premi virtuali perchè dimostrano l’affetto che lega i nostri blog e sono piccoli ma grandi riconoscimenti per la nostra comune passione: il pasticciare in cucina! Passo volentieri il Lovely blog Award 2014 ai seguenti blog (anche se avremmo voluto assegnarlo a tutti i blog che fedelmente seguiamo):


  1. http://blog.cookaround.com/miraccontoincucina/
  2. http://ilnuovopiaceredeisensi.altervista.org/
  3. http://fragole-e-panna.blogspot.it/
  4. http://lacucinadellaportaccanto.blogspot.it/
  5. http://vegetarianamanonsolo.blogspot.it/
  6. http://incucinaconombretta.blogspot.it/
  7. http://lestagionideisapori.blogspot.it/
  8. http://marikacakes.blogspot.it/
  9. http://pasticciaconme.blogspot.it/
  10. http://leamichedidona.blogspot.it/


  • Inoltre con grande ritardo ma non riuscivo più a ricordare chi me lo avesse assegnato diverso tempo fa (dopo Pasqua quando sono stata assente dal blog per influenza intestinale) ringrazio di cuore anche Laura Cottiglioni del blog: http://vegetarianamanonsolo.blogspot.it/ e mi scuso con te cara Laura per non averlo postato prima! Il suo blog mi è piaciuto da subito appena ci siamo messe in contatto e difatti ora ci seguiamo assiduamente, in quanto lei crea ricette prettamente vegetariane e per me è sempre un vero piacere imparare ricette interessanti e ricche di ingredienti a me talvolta anche sconosciuti!

Plumcake super goloso al Baileys Irish cream e gocce di cioccolato: oggi a pasticciare per noi c’è Blade!

Buondì mondo! Tempo fa avendo voglia di un dolcetto per la colazione abbiamo pensato ad un plumcake visto che era un po di tempo che non ne facevamo uno! Poichè però non avevamo il latte e mettere solo olio di semi non ci andava, il mitico Blade ha pensato a questo fantastico liquore e crema di latte che più buono non si può, proprio quello che ci serviva! Che ve lo dico a fare? Troppo buono!

Ingredienti: 3 uova intere (albumi e tuorli separati)-270 gr di farina 00 setacciata-100 gr di zucchero semolato-170 gr di zucchero di canna-1 bustina di lievito in polvere per dolci-1 pizzico di sale fino-1 tazzina di olio di semi-2 tazzine di liquore Baileys Irish Cream-gocce di cioccolata q.b.

Procedimento: Accendere il forno a 170° ma regolarsi comunque sempre con le caratteristiche del proprio forno, nel nostro caso elettrico statico con funzione tutto ventilato.

Separare gli albumi dai tuorli e versarli in una ciotola, montarli con le frustine elettriche a neve ferma con un pizzico di sale, quindi riporli in frigo per il momento.
In un’altra ciotola mettere i tuorli, lo zucchero e la tazzina di olio e montare con le frustine elettriche (o in un robot) a velocità media per amalgamare tutto. 
Versare la farina setacciata ed il lievito ed aggiungere le 2 tazzine di liquore, sbattere bene per ottenere un composto senza grumi.
Aggiungere ad esso le gocce di cioccolato e mescolare leggermente con un cucchiaio.
Versare il composto in uno stampo imburrato ed infarinato (noi lo abbiamo invece rivestito di carta da forno) ed infornare.
A fine cottura estrarre far raffreddare il dolce nello stampo quindi prelevarlo e servirlo su un piatto da portata.

Ottimo dolce da inzuppo per cui buona colazione o merenda a tutti!

Ciambellone di Mamma Giannetta: ricetta collaudata e perfetta e Ciambellone mio senza uova e con uvetta: oggi per tutti ce ne è una fetta!

Oggi, dopo la Festa della Mamma di ieri (più avanti ne pubblicherò la torta) tripudio di Ciambelloni che scrivo con la C maiuscola perchè se non fosse stato per mia mamma ed il suo “Ciambellone di casa” come riporta la dicitura scritta sul suo prezioso taccuino/ricettario, io non sarei mai entrata nel meraviglioso mondo del pasticciare in cucina!
Devo infatti a lei ed ai suoi preziosi insegnamenti il mio amore per tutto ciò che è fatto in casa, grazie Mamy per avermi sempre permesso di pasticciare con te!

Ciambellone bi-gusto di Mamma Giannetta:

Ingredienti: 500 gr di farina 00 setacciata-300 gr di zucchero semolato-4 uova medie intere-150 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente-1 bicchiere scarso di latte-2 bustine di lievito in polvere per dolci-cacao zuccherato in polvere q.b.-zucchero a velo q.b.-gocce di cioccolato q.b.

Procedimento: Accendere subito il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio (nel caso di mia mamma forno a gas a 180° il dolce verrà messo a cuocere al centro del forno. Usare un robot, planetaria o se si usano le frustine elettriche prendere una ciotola bella capiente. Montare zucchero e uova, aggiungere il burro ammorbidito ottenendo così un composto omogeneo, aggiungere la farina ed il lievito setacciandoli ed il latte.
Montare tutto fino ad ottenere un composto non troppo liquido.
Versarne un pò in uno stampo precedentemente imburrato ed infarinato quindi aggiungere il cacao al restante composto e mescolare un poco, aggiungendovi per ultime le gocce di cioccolato.

Aggiungere quindi il composto scuro ottenuto a quello chiaro già versato nello stampo.

Infornare per 45-50 minuti circa e quando cotto lasciarlo raffreddare nello stampo quindi prelevarlo e metterlo su un piatto da portata spolverizzandolo con zucchero a velo.

Ciambellone senza uova, allo yogurt e con uvetta:

Ingredienti: 1 vasetto di yogurt da 125 gr alla vaniglia-2 vasetti di zucchero-1 vasetto di olio di semi-1 vasetto di acqua minerale-3 vasetti di farina 00-1 bustina di lievito in polvere per dolci-1 pizzico di sale-uvetta q.b.zucchero a velo q.b.-acqua d rubinetto q.b.  
PS: Si utilizza il vasetto vuoto dello yogurt come misurino per tutti gli ingredienti.
Procedimento: Accendere subito il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio (nel nostro caso 170° forno elettrico statico tutto ventilato, il dolce verrà messo a cuocere sulla seconda griglia partendo dal basso). Mettere a bollire un po di acqua di rubinetto e quando bollente tuffarci l’uvetta lasciandola in ammollo una decina di minuti quindi scolarla ed asciugarla.Versare nella coppa di un robot da cucina o in una ciotola capiente (ed usare quindi le frustine elettriche) tutti gli ingredienti partendo da quelli liquidi alla farina setacciandola assieme al lievito quindi mescolare il tutto. Per ultimo aggiungere l’vetta girando appena appena il composto con un cucchiaio. Versare il tutto in uno stampo imburrato ed infarinato (nel mio caso ho saltatoi l passaggio in quanto ho utilizzato uno stampo in silicone) e cuocere per almeno 45 minuti ma controllare sempre la cottura prima di spegnere il forno. 
Quando freddo toglierlo dallo stampo e servirlo spolverizzato, di zucchero a velo, su un piatto da portata. 

NB: Per quest’ultimo che vedete nella foto sottostante ho utilizzato la ricetta del Ciambellone senza uova cambiando solo lo stampo e non mettendo l’uvetta.

Per la ricetta del Ciambellone con acquq minerale ho preso spunto dalle mie simpatiche amiche food bloggers anche loro:

Monica Pennacchietti la cui sua versione originale della ricetta è visionabile Qui 
e
Mariangela Circosta la cui sua versione originale della ricetta è visionabile Qui

Pizza pizza ed ancora pizza, impasto diretto fatto con la planetaria: in cucina per noi oggi c’è il mitico Blade ^_^

Buondì mondo! Adoro pasticciare dolci ma anche i salati si sono ritagliati un loro degno spazio in questo blog, pertanto non potevo non pubblicare la pizza di Blade….
Che devo dirvi? La adoro!!! Qui la vedete con vari condimenti, la ricetta dell’impasto è sempre la stessa, ma ogni volta è più buona… e bravo Blade!

Ingredienti (con questa dose a noi vengono 4 teglie rettangolari di misura 30 cm x 40 cm): 1 kg di farina 00-100 ml di olio evo Dante-500 ml di acqua tiepida-1 presa di sale (circa 10 gr)-1 cubetto di lievito (il classico che si trova nel banco frigo dei supermarket)-1 cucchiaino di zucchero semolato.
Ingredienti a piacere per il condimento ma nel nostro caso: 
  1. Prosciutto cotto-mozzarella-patate condite con olio, sale e rosmarino.
  2. Broccoletti ripassati e mozzarella per metà e per l’altra metà zucchine (condite precedentemente con olio e sale) e mozzarella.
  3. Passata di pomodoro-pachino-provola affumicata-zucchine non condite.
  4. Passata di pomodoro-mozzarella-melanzane precedentemente grigliate e condite con olio e sale.
  5. Mozzarella di bufala e zucchine non condite, in teglia rotonda di diametro 30 cm.

Procedimento: In un pentolino far intiepidire un po di acqua (prelevata dai 500 ml totali) e scioglierci l’intero cubetto assieme allo zucchero. Nella coppa di una planetaria versare quindi tutta l’acqua compresa quella in cui è stato sciolto il lievito e procedere con l’aggiunta poco per volta della farina gradualmente, poi il sale e l’olio impastando il tutto sin dall’inizio con il gancio.

Impastare bene per diverso tempo ovvero tra i 5 ed i 10 minuti.
Quando l’impasto sarà liscio e si staccherà via facilmente dal gancio prenderlo e porlo sul proprio tavolo da lavoro per continuare ad impastarlo leggermente dandogli la forma di un bel panetto.
Porre un poco di farina sul fondo della coppa della planetaria (o di un’altra ciotola capiente) ed adagiarci sopra il panetto, coprire il tutto con un telo leggero e mettere a lievitare in un posto buio lontano da correnti di aria.
Noi siamo soliti mettere la coppa all’interno del microonde (spento ovviamente) coprendolo tutto intorno e davanti allo sportello, con dei canovacci.
Lasciare lievitare fino al raddoppio quindi porre sul proprio tavolo da lavoro l’impasto dividendolo in parti uguali, 4 nel nostro caso, stendendole una ad una con un mattarello leggermente infarinato.
Mettere ogni parte di pasta stesa in una teglia ciascuna quindi se necessario allargarla con i polpastrelli delle mani fino a farle raggiungere i bordi della teglia. 
Rimettere ognuna di esse a lievitare sempre in un posto buio lontano da correnti di aria per almeno un’ora (o anche di più) quindi allo scadere del tempo condirla come meglio la si preferisce (la mozzarella tende a seccarsi se messa in cottura da subito pertanto va aggiunta poco prima di fine cottura).
Passato il tempo accendere il forno regolandosi in base alle caratteristiche del proprio, nel nostro caso elettrico statico tutto ventilato a massima temperatura (220°) una pizza per volta che verrà messa a cuocere sulla griglia più bassa del forno (l’ultima partendo dal basso).
Attendere che il forno abbia raggiunto la temperatura adatta prima di infornare quindi procedere con la cottura.
Se non si utilizza subito tutta la pasta la si può congelare in sacchetti di plastica per alimenti ed il giorno prima dell’utilizzo farla scongelare in frigorifero quindi porla poco prima dell’utilizzo fuori dal frigorifero per usarla a temperatura ambiente.

NB: Per meglio capire cosa sia il procedimento ad impasto diretto vi invitiamo a consulatre questo link che noi abbiamo trovato molto interessante:
Buon Appetito da Blade!!!!

Ciambelle al vino zuccherose e golose fatte da me e da Blade: gradito dono per un pranzo in compagnia di amici! E scuse…

Buondì! Sono molto assente ultimamente dal blog pertanto mi rammarico se non ho postato alcuni premi che mi erano stati assegnati e per i quali ringrazio comunque sentitamente.
Tra l’altro non ricordo nemmeno chi mi avesse chiesto il favore di diffondere i dati del suo blog, perdono!
Mi scuso moltissimo ma in questo periodo di influenza e feste varie sono riuscita a malapena ad aprire il blog mio e quelli altrui e moltissime ricette persino dello scorso anno, devono ancora vedere la pubblicazione….Ce la posso fare!!!!

Ingredienti: 200 gr di zucchero semolato + altro q.b. che servirà in seguito-500 gr di farina 00-1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci-1 bicchieri di olio di semi (di girasole nel nostro caso)-1/2 bicchiere di vino rosso-1/2 bicchiere di liquore Anice-2 cucchiai di semi di anice-80 gr di nocciole pelate e tostate.

Procedimento: Innanzitutto tritare i semi di anice in un mixer per renderli ancora più piccoli quindi metterli in un bicchiere ed aggiungervi il vino ed il liquore lasciando il tutto in infusione per buoni 20 minuti.
Accendere il forno regolandosi con le caratteristiche del proprio, nel nostro caso a 170°, elettrico statico con funzione tutto ventilato (le ciambelle una volta pronte verranno messe a cuocere su placche da forno rivestite di carta da forno su prima e terza griglia partendo dal basso).

Per l’impasto noi ci siamo serviti della planetaria ma si può tranquillamente fare a mano sul tavolo da lavoro o in una ciotola capiente.
Impastare tutti gli ingredienti assieme sia che si utilizzi una planetaria sia che usino le proprie mani fino ad ottenere un panetto.
Ricavare dall’impasto le ciambelline e passarla da un solo lato nello zucchero semolato versato su un piatto.
Infornare e cuocere per 20/30 minuti.
 In foto vedete due panetti perchè l’impasto lo abbiamo fatto due volte perchè ci servivano molte ciambelline.

Il Barba trucco: Intinte in un buon bicchiere di vino rosso si gustano al meglio 🙂
C’è anche chi le ha intinte nel limoncello!

NB: Per questa ricetta abbiamo preso spunto da questo bellissimo blog: 
http://www.ricercadiricette.it/click/index/799974/?site=pucca70.blogspot.it

PS: Se volete vedere la nostra altra ricetta di ciambelline al vino senza vino! ma con liquore S.Marzano il link è questo:
http://barbapasticcetti.blogspot.it/2014/02/ciambelle-al-vinosenza-vino-ma-con.html