Riso Basmati alla simil cantonese: un’incontro tra Cina ed India…risultato? Perfetto! E mille grazie per i premi virtuali ricevuti!

Buondì mondo! Oggi un post doppio con la ricetta di un riso che adoro, ovvero quello indiano, cucinato alla simil cantonese, non prendetemi per pazza, ma è davvero semplice e buono!
Ed un grandissimo ringraziamento per i premi ricevuti dalle nostre care amiche bloggers!

Ingredienti per 2 persone: 2 tazzine da caffè di riso indiano Basmati-1 uovo intero-1 cucchiaio di erba cipollina secca tritata-1 carota piccola-2/3 foglie di verza-sale fino q.b.-4 cucchiai di Olio evo Dante.

Procedimento: Mettere a bollire l’acqua per il riso salandola. Nel frattempo preparare in una padellina anti aderente una frittatina con l’uovo sbattuto, erba cipollina e sale. Quando pronta tagliarla a striscioline e fare lo stesso con il prosciutto cotto. Lavare le foglie di verza e pulire la carota dalla buccia, quindi tagliare il tutto a julienne (striscioline).
Metterle in una padella Wok (o comunque una padella che sia alta lungo i bordi e molto fonda e stretta al centro) assieme a 2 cucchiai di olio evo e far cuocere il tutto con coperchio chiuso, a fuoco medio, girando spesso. A metà cottura aggiungervi le striscioline di prosciutto cotto e di frittata e terminare la cottura. Lasciare la verza e la carota croccanti, non cuocerle troppo. Quando pronto il riso scolarlo e versarlo nel Wok (riaccendere la fiamma) assieme al condimento, aggiungervi i rimanenti 2 cucchiai di olio e mantecare.
Buon Barba Appetito!

Ed ora un ringraziamento speciale a due amiche food bloggers che ammiro molto per la loro bravura e fantasia in cucina e da cui abbiamo avuto l’onore di ricevere due premi.

La prima amica che ringraziamo è Carmen del blog: http://chiacchiereincucina.blogspot.it/
Carmen ricordo di avere iniziato a seguirla subito poco dopo aver aperto il nostro blog, spesso le commento nei suoi post che deve aprire un ristorante! Ma glielo dico seriamente, più che un ristorante però le consiglio di aprire una trattoria, avete presente quei posti piccoli, caldi ed accoglienti dove appena entri ti senti subito come se stessi a casa tua? Ecco questo è ciò che provo ogni volta in cui entro, seppur virtualmente, nella sua confortevole cucina. E’ una food blogger che ammiro molto perchè anche quando crea i cibi più semplici, li rende belli, appetibili e visivamente aggraziati, il tutto con le sue mani fatate.
Questo premio, non avendolo mai ricevuto, lo passiamo ad altre 10 amiche e se a loro volta lo vorranno assegnare ad altre/i bloggers, ne sarò ben lieta!

Ringraziamo di cuore anche la nostra amica Flora del blog http://seichicchidimelograno.blogspot.it/
che seguiamo già da diverso tempo con molto entusiasmo. Il suo è un blog bello, pulito, ordinato e preciso dove c’è l’essenziale ovvero ricette e foto in cui tutto ha il suo posto.
Niente caos nè disordine ed io avverto un senso di benessere e serenità ogni qualvolta visiono una sua ricetta, per me è sempre un piacere entrare nel suo mondo!

I blog a cui passiamo questo premio sono i seguenti:

La seconda amica che voglio ringraziare e che ci ha assegnato questo premio è la bravissima Elena del blog: http://cucinaconelena.blogspot.it/
La seguiamo da diverso tempo, l’abbiamo conosciuta per caso ed essendo davvero molto brava e creativa, non l’abbiamo più abbandonata! Ci piace poi da morire il modo di presentare le sue prelibatezze dolci e salate, bellissime foto per altrettanto dettagliate spiegazioni. 
Inoltre il suo lavoro di food blogger rispecchia appieno quello che noi apprezziamo in un blog di cucina ovvero facilità nel cercare e nel leggere le ricette! Non siamo amanti dei blog in cui ci sono mille icone, banner e loghi e non si capisce dove dover guardare, insomma il suo blog rispecchia appieno il nostro ed è anche per questo che siamo così in sintonia! 
Non passiamo questo premio in quanto lo abbiamo già ricevuto ed assegnato a nostra volta molto tempo fa., ma cara Elena grazie di vero cuore!

Mini sfogliate finger food con ripieno di hamburger e fettine al latte: piccoli sfizi golosi :)

Buona domenica mondo! Rimaniamo in tema con il precedente post ma come spesso tengo a precisare, ciò che pubblico non segue un filo temporale, per cui questa è una ricetta di circa un mese fa.

Aprendo il frigorifero e trovandomi dinnanzi le fantastiche sfogliate Natural food ho avuto un’illuminazione!

Splendido piatto serie “Fattoria” by Villa D’Este!

Ingredienti: Le specialità al Grano Saraceno, Borioni Antico Forno-hamburger fatti in casa-pomodori ciliegino-insalata mista-ketchup-maionese-Le Fettine Inalpi Emmenthal.                            
Procedimento: Mettere a cuocere gli hambuger in una padella anti aderente, girandoli e schiacciandoli di tanto in tanto con una paletta. Nel frattempo, con un coppa pasta rotondo o comunque una qualsiasi formina tonda, ricavare dalle sfogliate dei cerchi di diametro leggermente più grande degli hamburger (non eccessivamente più grandi tanto la carne in cottura si restringerà). Nel nostro caso 3 hamburger per cui 6 cerchi. Mettere i cerchi su una piastra bella rovente e tostarli su ambo i lato. Lavare i pomodori e le foglie di insalata, tagliare le sottilette a forma di cerchi. Una volta pronto tutto alternare su ogni cerchio di sfogliata l’insalata, la maionese, l’hamburger, il ketchup, la sottiletta ed i pomodorini tagliati a rondelle coprendo con un’ulteriore cerchio di sfogliata.
Servire subito, Buon Barba Appetito!
In cucina con noi: 
E dopo queste squisitezze ci siamo presi il lusso di un buon dolcetto Freddi!
Ovvero Ballerina al mango, una deliziosa merendina con crema al mango, per fare i golosi ancora di più l’abbiamo divisa in 4 parti servite assieme al gelato gusto spagnola con amarene!

Panini fatti in casa ai semi di papavero e sesamo ed hamburger alla "Juicy Lucy"! Oggi ci siamo io e Blade in cucina!

Tempo fa guardando il simpatico Adam Richman in “Man Vs Food” (programma televisivo in onda su D-max) siamo rimasti incuriositi dal Juicy Lucy… Vi chiederete e cos’è mai??? Presto detto: due hamburger, uno sopra l’altro con ripieno di formaggio, golosi!
La ricetta dei panini è stata presa da questo bel blog:
http://www.misya.info/2013/01/24/panini-per-hamburger.htm

Ingredienti per preparazione con planetaria: 250 gr di farina 0-250 gr di farina 00-250 ml di latte-12 gr di lievito di birra (il classico cubetto)-1 cucchiaio di zucchero semolato-1 cucchiaio di miele-50 gr di burro-2 cucchiaini di sale fino-latte q.b.-semi di papavero e semi di sesamo q.b. NB: La ricetta originale prevede solo i semi di sesamo.

Procedimento: In poco latte tiepido (2 dita circa) sciogliere il lievito e porlo assieme al miele e allo zucchero in una ciotolina mescolando bene il tutto.
Nella coppa di una planetaria versare la farina facendo con le mani un’incavo al centro e mettervi il latte in cui è stato sciolto il lievito. Azionare il gancio e far impastare a velocità media fino a che la farina avrà assorbito il latte.
Unirvi (sempre impastando) il burro poco per volta ed in piccoli pezzetti ed il sale. Continuare a lavorare l’impasto fino a quando avrà assunto una consistenza omogenea e morbida. Lavorarlo ancora un paio di minuti ma con le mani sul tavolo da lavoro per fargli assumere la forma a panetto e lasciarlo lievitare per almeno due ore intere in un posto lontano da correnti di aria, coprendo il contenitore con un canovaccio. Noi di solito lasciamo l’impasto nella coppa della planetaria che copriamo con un canovaccio morbido, tipo di spugna. Mettiamo la coppa nel forno a microonde spento ma caldo (lo accendiamo infatti un paio di minuti prima e poi lo spegniamo) e copriamo lo sportello del microonde con un’ulteriore canovaccio. Quando il panetto avrà raddoppiato il suo volume riprenderlo e lavorarlo un paio di minuti sul proprio tavolo da lavoro, dividerlo in 6 panetti più piccini dando loro la forma di panino tondo e sistemarli distanziandoli gli uni dagli altri, su una placca da forno rivestita di carta da forno o di un tappetino in silicone.
Spennellare i panini con un poco di latte e versare sopra i semi di papavero, lasciarli lievitare per altri 45 minuti circa, noi copriamo la teglia con un canovaccio e mettiamo la teglia nel forno.
Una decina di minuti prima dello scadere dei 45 minuti della seconda lievitazione togliere dal forno la teglia con i panini e poggiarla su un piano. Accendere il forno a 200°, nel nostro caso: elettrico, statico tutto ventilato seconda griglia partendo dal basso. Infornare e farli cuocere per 10 minuti, quindi abbassare la temperatura a 170° e cuocerli ulteriori 5 minuti.
Nel frattempo che si raffreddano su una gratella preparare gli hamburger.

Ingredienti per la farcitura di due panini: 4 cetriolini sott’aceto-1 pomodoro San Marzano-6 fettine di Emmenthal o formaggio a piacere-4 foglie di insalata a piacere-4 hamburger fatti in casa, che da noi sono stati fatti semplicemente con macinato di manzo ed un pò di sale.


Procedimento: Lavare sotto acqua corrente le foglie di insalata, il pomodoro ed i cetriolini quindi tagliare questi ultimi in due parti nel senso della lunghezza e tagliare il pomodoro a fettine tonde. Ricavare dall’Emmenthal delle fettine quadrate, porne tre (una sopra l’altra) al centro di un hamburger quindi ricoprire il tutto con un’altro hamburger, premendo con le dita lungo tutto il bordo in modo da chiuderli e far sì che in cottura il formaggio sciogliendosi non fuoriesca.

Cuocere in una padella antiaderente gli hamburger a fiamma vivace e nel frattempo dividere i panini a metà ponendole, dalla parte interna, su una piastra liscia (o rigata) e farle tostare per 2/3 minuti.
Una volta cotti gli hamburger assemblare i panini alternando nel loro interno cetriolini-hamburger-pomodoro e foglia di insalata. Attenzione a quando mangerete l’interno della carne in quanto il formaggio in cottura si scioglierà ed ovviamente diventerà bello caldo!

Buon Barba appetito!

Comunicato stampa Oleifici Mataluni.

Comunicato stampa olio Dante.

L’azienda sannita partecipa alla convention sulla sicurezza alimentare con il progetto “Re-Pack Edoils”.

Il packaging eco-sostenibile in plastica 100% riciclata, ideato dagli Oleifici Mataluni, partecipa alla settima edizione del “Sicura – QsA 2013”, la convention nazionale che si occupa di sicurezza alimentare, in programma a Modena il 24 e 25 settembre.
L’azienda sannita prenderà parte all’evento presentando il progetto “Re-Pack Edoils” (Use of 100% Post-Consumer Recycled Polyethylene Terephthalate to produce packaging for edible oils), con il quale si propone di produrre ed immettere, per la prima volta sul mercato europeo, imballaggi per oli alimentari realizzati al 100% in plastica riciclata. L’intervento si inserisce nell’ambito del convegno “Come attuare e comunicare la sostenibilità nel settore dei materiali a contatto con gli alimenti”, a cura dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari dell’Emilia Romagna, Toscana, Marche ed Umbria.

La nuova sfida lanciata dal complesso oleario di Montesarchio (BN) è quello di estendere il campo di applicazione dei materiali plastici riciclati, al momento limitata solo ad alcuni settori (acqua minerale e non-food), acquisendo così importanti elementi di competitività ed aprendo interessanti opportunità di sviluppo e innovazione.

L’utilizzo della plastica riciclata nell’imballaggio degli oli alimentari, infatti, rappresenta una novità assoluta in Europa. Per questo motivo, gli Oleifici Mataluni hanno deciso di avviare una linea pilota per la produzione di preforme, dalle quali saranno realizzate bottiglie in plastica riciclata.

“L’utilizzo di materiali riciclati per la produzione di imballaggi per olio alimentare – spiega Maria Rosaria Galdi, consulente degli Oleifici Mataluni che collabora alle ricerche di soluzioni innovative per il packaging con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Salerno – è finalizzato alla riduzione dell’impatto ambientale, causato dalla scarsa valorizzazione e dall’accumulo di materiali polimerici in discarica e nell’ambiente. La diffusione di packaging realizzati con materiali riciclati e riciclabili favorirà l’innescarsi di un ciclo virtuoso che parte da una corretta progettazione, dall’utilizzo di manufatti che garantiscano al consumatore la sicurezza e la qualità dell’alimento e che si completa con la valorizzazione del fine vita dell’imballaggio stesso. Inoltre, l’uso di PET riciclato piuttosto che di PET vergine per la realizzazione di packaging per beni di consumo di massa, comporta una riduzione di emissioni di CO2 data dal minore impiego di risorse petrolifere non rinnovabili, che sono attualmente le principali fonti per la sintesi di tale plastica”.

“Re-Pack Edoils” – progetto di durata triennale finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma CIP Eco-Innovation – nel giugno scorso è entrato a far parte del Libro d’Oro della Responsabilità Sociale d’Impresa e del Sodalitas Social Solution, il database online sulla Sostenibilità d’Impresa più completo a livello europeo. L’obiettivo, dunque, è quello di incoraggiare il riciclo delle bottiglie in PET per alimenti, rendendo i rifiuti una risorsa da valorizzare.

Per maggiori informazioni, www.re-packproject.it/

Straccetti di manzo con rucola: un secondo piatto e contorno semplice ma da leccarsi i baffi!

Buondì mondo e buon lunedì! C’è un taglio di carne che proprio mi piace molto ovvero gli “straccetti”, chi non li conosce? Così teneri che si tagliano con le mani e sono molto adatti ad essere accompagnati a buonissimi ortaggi e verdure. Oggi vi propongo la classica versione con la rughetta, la mia preferita!

Ingredienti per 2 persone: 350 gr di straccetti di manzo-500 gr di rucola-1 spicchio medio di aglio-1/2 dado classico Fattoria Italia-4 cucchiai di olio evo Dante-(sale q.b. se non utilizzate il dado).





Procedimento: Tritare molto finemente l’aglio e mescolarlo in una ciotolina assieme a due cucchiai di olio.
In una padella fonda e larga mettere gli altri due cucchiai di olio e metà dado e farlo sciogliere completamente.
Aggiungere gli straccetti e la rucola e condire il tutto con l’olio aromatizzato precedentemente con l’aglio.
Far cuocere a coperchio chiuso e a fiamma media fino alla completa cottura della carne.
Servire caldo.

In cucina con me:

ed

Frittata di pasta con contorno di spinaci e pachino: come riciclare in modo sfizionso la pasta avanzata!

Buondì mondo! Ricordo di aver mangiato per la prima volta, la frittata di pasta tanti anni fa quando la mamma di una mia cara amica me la offrì durante un pranzo, poi non l’ho più mangiata, nonostante me ne rimase un ricordo piacevolissimo! E quindi ora l’ho rifatta io!

Magnifico piatto serie “Mediterraneo” by Villa D’Este!
Ingredienti per la frittata: Pasta lunga avanzata- sale fino q.b.-4 cucchiai di Olio evo Dante-1 mozzarella media-formaggio cremoso spalmabile q.b.-1 patata lessa schiacciata-pepe nero in polvere q.b. Ingredienti per gli spinaci: 500 gr di spinaci (nel nostro caso già lavati e puliti)-6/7 pomodori pachino-1 spicchio di aglio-peperoncino in polvere q.b.

Procedimento: In una padella fonda versare 3 cucchiai di olio e mettere a rosolare l’aglio pulito dalla buccia. Quando colorito aggiungere gli spinaci salandoli e mettendo il peperoncino. Farli cuocere a fuoco medio e con coperchio leggermente chiuso. Intanto in una ciotola capiente rompere le uova e sbatterle, versarvi la pasta assieme alla mozzarella tagliata a dadini, a pezzetti di formaggio cremoso e alla patata schiacciata, salare e pepare a piacere. Versare sul fondo di una padella antiaderente un cucchiaio di olio spargendolo bene anche lungo il bordo, scaldarlo bene e versarci il composto. Cuocere con coperchio chiuso prima da un lato e poi dall’altro. Quando pronto mettere tutto nei piatti e servire caldo!

Splendido piatto serie “Fattoria” by Villa D’Este!

In cucina con me:

e

Zuppetta di seppioline e piselli con fettine di pane semi integrale alle olive fatto in casa: oggi in cucina per noi c’è Blade!

Buondì! Sere fà tirava una bella brezza fresca che ci ha fatto pensare all’autunno che tanto amiamo e così il mio compagno Blade ha cucinato una zuppetta fumante con seppioline e piselli e ci siamo leccati i baffi!
Abbiamo utilizzato l’ottimo dado al gusto pesce della Fattoria Italia, una vera delizia!

Ingredienti: 1 kg di Seppioline (surgelate e già pulite)-400 gr di piselli (surgelati)-1 dado e 1/2 Fattoria Italia gusto pesce-700 ml circa di acqua-1 cucchiaio di concentrato di pomodoro-1/2 scalogno-1 grattugiata di pepe nero-1 cucchiaio di prezzemolo tritato (secco)-2 cucchiai di Olio evo Dante-1 bicchiere di vino bianco.
Procedimento: Portare a bollore l’acqua con il dado. Far scongelare le seppioline e nel frattempo mettere in un tegame la cipolla con l’olio e farla dorare quindi aggiungere le seppioline, il concentrato di pomodoro, il prezzemolo ed un bicchiere di brodo. Far cuocere circa 10 minuti aggiungendo il brodo qualora ve ne fosse bisogno quindi versare i piselli ed il restante brodo e far cuocere il tutto a fiamma moderata (se volete che venga meno brodoso aggiungere il brodo nella quantità desiderata).
Verso fine cottura pepare ed aggiungere il vino bianco. Terminare la cottura e servire caldo magari accompagnato con delle buone fettine di pane integrale.

La ricetta del pane con olive fatto in casa è visionabile a questo link:
http://barbapasticcetti.blogspot.it/2013/07/panini-semi-integrali-con-olive.html

In cucina con noi:

ed